Marco Lungo: "Dalla Task Force risorse solo per chi può salvarsi"

Cerveteri, Task Force per la Ripresa delle Attività Produttive e della Ristorazione. Marco Lungo: "Risorse solo per chi può salvarsi"

Quando le risorse non sono infinite, vanno destinate solo a chi può salvarsi”. Questo l’intervento shock che Marco Lungo ha fatto durante la presentazione alla stampa della Task Force per il rilancio delle attività produttive e della ristorazione, voluta dal sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci e dall’assessore Luciano Ridolfi, svoltasi martedì 16 giugno nella Sala Consiliare del Comune di Cerveteri.

Marco Lungo è stato chiamato a far parte di questa Task Force in quanto affermato esperto di gestione delle crisi nella ristorazione, nonchè autore di vari testi sull’argomento.

L’ultimo suo lavoro, “Salva Il Tuo Locale!“, è dedicato nello specifico a come gestire le crisi nei locali di ristorazione e a come evitarle.

L’intervento di Marco Lungo è stato applaudito dai presenti, anche se in vari passaggi è stato duro ma sempre mirato alla risoluzione dei problemi presenti sul territorio.

Per Marco Lungo “la crisi generata dal Covid-19 si presenta come un rivelatore della situazione reale precedente, inflazionata da troppe attività ristorative di cui molte già compromesse prima di questa crisi. Questa situazione è stata riscontrata in tutta Italia, non solo sul territorio di Cerveteri”, ha commentato l’esperto.

“In tale situazione, similarmente ai tanti decessi provocati da questo virus, il Covid è stata la classica goccia che fa traboccare il vaso, per cui non sopravvivono le attività già in notevole difficoltà prima dell’arrivo dell’epidemia“, ha sottolineato Marco Lungo durante l’incontro.

“Stante così le cose è necessario fare prima un vero e proprio triage per capire quante possibilità ci sono per salvare una azienda in esame e, se il riscontro è positivo, destinare ad essa risorse per salvarla. Le aziende che non possono farcela, invece, verranno accompagnate verso un percorso di riconversione dell’attività, oppure alla chiusura.

VAI ALL'ARTICOLO


Stampa  Email

Related Articles